Il ghiacciaio di Cambrena, 1897

Il ghiacciaio di Cambrena, 1897, olio (e tempera?) su tela, cm136x196, firmato in basso a sinistra “Carcano F.”, Collezione Privata

Alla Terza Esposizione Triennale di Milano del 1897 Carcano trionfò, con la vincita del Premio Principe Umberto, assegnato al quadro Visione-Cristo che bacia l’Umanità. Quest’opera faceva parte del gruppo di tele dell’artista dedicate a temi evangelici e di religiosità popolare, come quelle su Giuda (già dal 1881) e Il Buon pastore. Oltre al Cristo che bacia l’umanità, che peraltro provoca critiche contrastanti, Carcano espose Il Ghiacciaio di Cambrena, straordinario ritratto eseguito sul motivo, davanti al passo del Bernina, in Svizzera, che testimoniava l’attualità della sua produzione. L’opera fu acquistata dall’Onorevole Pietro Baragiola e poi passò nella collezione dell’editore e tipografo comasco Luigi Daelli. Già dalle note biografiche pubblicate sul catalogo della prima Biennale, Carcano veniva definito pittore “indomito” nelle escursioni in quota. Il richiamo della natura incontaminata alpina attraeva negli stessi anni Segantini, Longoni con altri pittori piemontesi e lombardi e coincide con la nascita dell’alpinismo moderno, in seguito alla fondazione del Club Alpino Italiano a Torino nel 1863. Il medesimo soggetto fu poi ripreso da Emilio Longoni che lo presentò agli inizi del Novecento con tecnica divisionista e senza fiori. Un altro quadro di Longoni, Bernina, rivelava ancora una volta l’esempio del Carcano. A questo genere pittorico corrispondeva anche un particolare tipo di collezionista, che era sopratutto interessato al riscontro oggettivo tra il panorama e la sua rappresentazione. Carlo Reynaudi osservava, a proposito della Triennale torinese del 1896, che “la montagna va entrando sempre più nelle nostre abitudini e nei quadri dei nostri pittori” tanto che il Club Alpino Italiano offre in quell’occasione una medaglia d’oro al miglior dipinto avente come tema l’alta montagna. Carcano dipinse Il ghiacciaio di Cambrena dopo numerose escursioni al Passo del Bernina, fra Italia e Svizzera, come testimonia il cartellino della dogana di Chiavenna, ancor oggi presente sul telaio. A commento di questo lavoro Martinelli nel 1897 annotava: “Il Ghiacciaio di Cambrena del Carcano – reso con quella semplicità di mezzi, sobrietà di particolari, oggettività fotografica che sono le quantità, la forza e i difetti – diciamolo pure – dell’artista milanese“. La resa nitida, la limpidezza di atmosfera e la luminosità che sprigiona dal paesaggio, richiamano alcune vedute degli anni precedenti, come la ripetizione della consueta impostazione spaziale: una scena ampia e ariosa, l’annotazione del primo piano con la descrizione del lago alpino dalle cui acque spuntano minuti eriofori e le montagne che spaziano in orizzontale. La stesura leggera del colore, di cui Gussalli ci fornisce nel 1899 testimonianza, ricordando la “suprema finezza di colore ottenuta con una tecnica così semplice che copre appena la trama della tela”, si stacca dal colore “sugoso” che aveva spesso caratterizzato gli anni più recenti, documentando l’affermarsi di un tipo di esecuzione caratteristica dell’ultima produzione carcaniana. Per Carotti “il Ghiacciaio di Cambrena è l’opera più forte, più riuscita di tutta l’esposizione … fu un vero trionfo della padronanza della tecnica, che fermò sulla tela tutta la poesia silenziosa e sublime dell’alta montagna, quella poesia che conoscono soltanto quelli che da soli, assolutamente soli, passarono ore sopra una cima innevata”. Carcano, come racconta la sua biografia nel catalogo della prima Biennale Veneziana “ama la montagna … fino quasi alla temerarietà, come quando egli si vide, nelle gole della Valsolda, travolgere tela e cavalletto dalle raffiche gelate della tormenta”.

Annunci

Una partita al bigliardo, 1867

Una partita al bigliardo, 1867, olio su tela, cm78x106, firmato in basso al centro in rosso, sul pavimento Carcano Filippo, Milano, Pinacoteca di Brera

Carcano presentò La partita al bigliardo all’Esposizione di Brera del 1867, insieme alla tela di genere Una donna leggera. Esisteva anche una seconda versione della Partita, più grande di quella attualmente esposta a Brera e fortemente restaurata. La tela è stilisticamente molto vicina alla Lezione, probabilmente, le due opere sono state elaborate in stretta contiguità: si tratta ancora una volta di una scena dipinta da un ambiente reale e giocata su un’analoga impostazione prospettica a cannocchiale; molto rilievo è dato dal pittore alla resa della luminosità dell’ambiente. La firma del pittore, è apposta, come nella precedente tela della Lezione, con il nome prima del cognome, direttamente sul pavimento dipinto. Un’altra sorprendente analogia riguarda un piccolissimo particolare. Sul pavimento della scuola di ballo del Poletti, come su quello della sala da biliardo, poco distante dalla firma, Carcano dipinge un fiore rosa. Forse è un’aggiunta alla sua firma, una sorta di deliziosa auto citazione per ricordare il suo esordio con La piccola fioraia. Secondo la testimonianza di Ojetti la sala da biliardo dipinta da Carcano si trova in via Santa Radegonda, vicino alla famosa Pasticceria Ofelleria Baj, strada in cui meno di vent’anni dopo la Società Elettrica Edison battezzerà la prima centrale termoelettrica d’Europa. La sala è frequentata da letterati ed artisti, dai due fratelli Boccono e dallo stesso Carcano, che ama il giuoco del biliardo. Il pittore e critico scapigliato Vespasiano Bignami scrive che l’interesse di Filippo per il biliardo non è puramente artistico. Rievocando la prima attività della Famiglia Artistica nell’ampia sede del refettorio del Carmine, Bignami scrive: dalle 10 di sera in poi, finita la scuola, il flusso passava a destra. Il riparto ‘buon tempo’, rimasto sino allora vuoto e silenzioso, si ravvivava, la tastiera saltellava, le biglie correvano. Filippo Carcano sempre misurato e calmo, le guidava con magistrali colpi di stecca alla vittoria immancabile e sorrideva a labbra serrate nella barbetta biondeggiante. È interessante il fatto che i due quadri più significativi di Carcano sono stati dipinti in luoghi che il pittore frequenta anche per diletto. È stata ritrovata, in una collezione privata, la stecca da biliardo personale di Filippo Carcano, completa si custodia lignea. Osservando attentamente La partita al bigliardo si noterà che la stecca dell’artista è identica a quella impugnata dall’uomo sulla destra, mentre all’estrema sinistra, appoggiato al muro, si trova la custodia di legno. L’opera provoca subito una vivace polemica. Il tema trattato, in linea con l’esigenza di documentare la contemporaneità anche nei nuovi aspetti degli svaghi borghesi, non particolarmente insolito, offre comunque motivi di sopresa per il pubblico e per la critica. Si rinnovano le polemiche della Lezione di ballo, per il taglio molto simile e la proposta di un’altra istantanea di vita quotidiana, restituita per mezzo di una tecnica elaborata. Carcano dipinge, forse in modo provocatorio, personaggi abbigliati in costume antico, rovesciando inesorabilmente i canoni della pittura di genere che si orienta verso scintillanti rievocazioni di costumi e di ambienti neosettecenteschi. Di nuovo Carcano si misura con una scena prospetticamente ardita e reale, osservata in tutte i suoi accidenti luministici. Si osservi ad esempio la perizia con cui Carcano ha dipinto i bicchieri e la loro trasparenza sul mobile delle stecche a sinistra, i riflessi della luce sulle sedie vicine; e anche la sorprendente delicatezza con cui ha reso il tessuto dei paralumi. È da sottolineare, infine, l’abilità raggiunta da Carcano nella naturalezza delle pose. Se l’“uomo settecentesco” risulta un po’ rigido, quasi incartapecorito, con lo sguardo straniato verso il nostro campo, le due figure accostate al biliardo sono dipinte con un’eccezionale maestria. Questo importante quadro di Carcano è poi diventato celebre, a posteriori, perché alcuni pittori divisionisti lo hanno citato come un precedente della ricerca sulla divisione dei colori. In breve Carcano avrebbe applicato nella Partita a biliardo un’empirica divisione in colori puri. Giustamente Macchi lo definisce un Bigliardo miniato in tutti i colori dell’iride. La vicenda inizia con l’articolo di Vittore Grubicy su Segantini e la divisione ottica del colore, pubblicato in “Cronaca d’Arte” il 14 giugno 1891. L’intenzione di Grubicy è di fornire un commento alle opere di Segantini e una teoria sulla genesi del divisionismo. L’idea è che Cremona, Carcano, Ranzoni e Fontanesi siano arrivati empiricamente alla divisione dei colori tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio dei Settanta. Nel catalogo che accompagna la mostra postuma dedicata al Ranzoni presso la Permanente, Grubicy  sostiene che la divisione dei colori è stata già adottata, in ambiente milanese, molti anni prima da Carcano. In realtà si tratta di una posizione discutibile perché Grubicy vuole riconoscere a posteriori nella Partita a biliardo un incunabolo della tecnica divisionista. Il pittore e mercante percepisce nelle palle da biliardo l’applicazione di colori puri da parte dell’artista; oltre quelle di color avorio con lumeggiature, abbiamo sul tavolo una palla rossa da carambola (in rispondenza della colorazione delle tende), una palla verde con qualche spunto rossastro ed una palla rosso-aranciata, in riflesso cromo-luminoso dei colori circostanti, del verde del tappeto al bruno del legno del biliardo. La soluzione di Carcano non è né improvvisa né casuale ed è anche semplice da spiegare. Essa si lega alle analisi del colore compiute dal pittore fin dal ’62, visibili nei fiori della Piccola fioraia, sostanziandosi poi nelle filettature quasi a bastoncino, di rossi e di blu presenti in alcuni abiti femminili di La lezione di ballo, che non sono certo disegno ma materia colorata tesa a rendere più tangibile la realtà degli oggetti. La critica, dopo l’uscita di Grubicy, ha dunque focalizzato l’attenzione su Carcano come precursore del metodo divisionista. Il dipinto in questione fu acquistato per ottocento lire dalla Società per le Belle Arti proprio nel 1867 e viene assegnato per sorteggio all’ingegnere Carlo Besana, assessore ai lavori pubblici di Milano, garibaldino e libero pensatore, amico di Emilio Longoni.