Lo studente Filippo Carcano nel 1862

ssss

Angelo Bacchetta (Crema, 1841-1920), Carcano Filippo studente. Angelo Bacchetta diseg. anno 1862 del vero, disegno a matita su carta, da A. Ribera, Filippo Carcano pittore, Torino 1816

Che aspetto ha Filippo Carcano nel suo periodo di formazione? Nel catalogo dell’Esposizione di Brera del 1862 è dato residente in via della Passarella 19.  Il nome della strada, tutt’ora esistente, è la storpiatura di passá a l’era, cioè “oltre l’aia”; è una trasversale di Corsia dei Servi. Un tempo il vicolo Passarella era tagliato fra le catapecchie e vi sorgeva lo stabilimento tipografico fondato nel 1818 da Giovan Battista Sonzogno, che oltre ai romanzi, pubblicava il quotidiano Il secolo e Lo Spirito Folletto, la rivista satirica illustrata con le incisioni di Tranquillo Cremona e Vespasiano Bignami. Possiamo immaginare il giovane studente Carcano mentre quotidianamente percorre le vie a destra del Duomo, dove il Caffé Campari è stato appena inaugurato sotto il Coperto dei Figini, passa sotto i portici piermariniani della Scala, cammina in Contrada di San Giuseppe e poi lungo la via Brera e arriva dritto all’Accademia. Un suo coscritto, Angelo Bacchetta, ha disegnato nel 1862 un icastico ritratto del pittore a figura intera, scrivendo precisamente a fianco “dal vero”. Si vede un ragazzo con i capelli lunghetti, un ascetico mantello alla Barbus e cappello sulle ventitré. Sicuramente il giovane uomo è cosciente di vivere un periodo assai importante della storia nazionale, visto che proprio quell’anno il Regno italiano impone l’uso della Lira al posto del Fiorino austriaco. Gli artisti di tutt’Italia sono in fermento: i macchiaioli in Toscana, ma anche i piemontesi che dipingono en plein air vicino al castello di Rivara sono influenzati da pittori naturalisti francesi come Troyon e dei pittori di Barbizon, dal ginevrino Calame e dall’italiano Fontanesi. A Milano sta poi nascendo un nuovo movimento, antiromantico e antiborghese, dopo l’uscita del romanzo di Cletto Arrighi La Scapigliatura e il 6 Febbraio. I compagni di Carcano, Cremona e Ranzoni, con lo scultore Giuseppe Grandi, saranno i protagonisti principali di questa significativa vicenda dell’arte italiana.

xxxx

Angelo Bacchetta anziano in un suo autoritratto, Crema, Museo di Crema e del Cremasco

Angelo Bacchetta era nato a Crema il 12 Marzo 1841. Iscritto all’Accademia di Brera di Milano, seguì i corsi di Hayez ed eseguì due tele conservata nel Santaurio della Misericordia di Castelleone. Tornò nel 1864  sua città natale per dipingere il ritratto di famiglia dell’Ingegner Donati, che fu premiato lo stesso anno con la medaglia d’oro all’Esposizione Industriale ed Artistica di Crema. Nel ’65 fu nominato professore di disegno presso la Scuola Tecnica di Crema. Nella sua lunga vita si dedicò con profitto ala ritrattistica e alla pittura sacra per le chiese della città e del contado. Si spostò a Lisbona nel 1875 su incarico del figlio del Re e per il Presidente del Consiglio. Il governo portoghese lo nominò Cavaliere dell’ordine di Cristo, per riconoscenza dei pregevoli lavori di pittura realizzati nella capitale. Bacchetta si spense a Crema il 12 Novembre 1920. Molte delle sue opere di pittura e di grafica sono conservate al Museo di Crema e del Cremasco.

 

Il ghiacciaio di Cambrena, 1897

Il ghiacciaio di Cambrena, 1897, olio (e tempera?) su tela, cm136x196, firmato in basso a sinistra “Carcano F.”, Collezione Privata

Alla Terza Esposizione Triennale di Milano del 1897 Carcano trionfò, con la vincita del Premio Principe Umberto, assegnato al quadro Visione-Cristo che bacia l’Umanità. Quest’opera faceva parte del gruppo di tele dell’artista dedicate a temi evangelici e di religiosità popolare, come quelle su Giuda (già dal 1881) e Il Buon pastore. Oltre al Cristo che bacia l’umanità, che peraltro provoca critiche contrastanti, Carcano espose Il Ghiacciaio di Cambrena, straordinario ritratto eseguito sul motivo, davanti al passo del Bernina, in Svizzera, che testimoniava l’attualità della sua produzione. L’opera fu acquistata dall’Onorevole Pietro Baragiola e poi passò nella collezione dell’editore e tipografo comasco Luigi Daelli. Già dalle note biografiche pubblicate sul catalogo della prima Biennale, Carcano veniva definito pittore “indomito” nelle escursioni in quota. Il richiamo della natura incontaminata alpina attraeva negli stessi anni Segantini, Longoni con altri pittori piemontesi e lombardi e coincide con la nascita dell’alpinismo moderno, in seguito alla fondazione del Club Alpino Italiano a Torino nel 1863. Il medesimo soggetto fu poi ripreso da Emilio Longoni che lo presentò agli inizi del Novecento con tecnica divisionista e senza fiori. Un altro quadro di Longoni, Bernina, rivelava ancora una volta l’esempio del Carcano. A questo genere pittorico corrispondeva anche un particolare tipo di collezionista, che era sopratutto interessato al riscontro oggettivo tra il panorama e la sua rappresentazione. Carlo Reynaudi osservava, a proposito della Triennale torinese del 1896, che “la montagna va entrando sempre più nelle nostre abitudini e nei quadri dei nostri pittori” tanto che il Club Alpino Italiano offre in quell’occasione una medaglia d’oro al miglior dipinto avente come tema l’alta montagna. Carcano dipinse Il ghiacciaio di Cambrena dopo numerose escursioni al Passo del Bernina, fra Italia e Svizzera, come testimonia il cartellino della dogana di Chiavenna, ancor oggi presente sul telaio. A commento di questo lavoro Martinelli nel 1897 annotava: “Il Ghiacciaio di Cambrena del Carcano – reso con quella semplicità di mezzi, sobrietà di particolari, oggettività fotografica che sono le quantità, la forza e i difetti – diciamolo pure – dell’artista milanese“. La resa nitida, la limpidezza di atmosfera e la luminosità che sprigiona dal paesaggio, richiamano alcune vedute degli anni precedenti, come la ripetizione della consueta impostazione spaziale: una scena ampia e ariosa, l’annotazione del primo piano con la descrizione del lago alpino dalle cui acque spuntano minuti eriofori e le montagne che spaziano in orizzontale. La stesura leggera del colore, di cui Gussalli ci fornisce nel 1899 testimonianza, ricordando la “suprema finezza di colore ottenuta con una tecnica così semplice che copre appena la trama della tela”, si stacca dal colore “sugoso” che aveva spesso caratterizzato gli anni più recenti, documentando l’affermarsi di un tipo di esecuzione caratteristica dell’ultima produzione carcaniana. Per Carotti “il Ghiacciaio di Cambrena è l’opera più forte, più riuscita di tutta l’esposizione … fu un vero trionfo della padronanza della tecnica, che fermò sulla tela tutta la poesia silenziosa e sublime dell’alta montagna, quella poesia che conoscono soltanto quelli che da soli, assolutamente soli, passarono ore sopra una cima innevata”. Carcano, come racconta la sua biografia nel catalogo della prima Biennale Veneziana “ama la montagna … fino quasi alla temerarietà, come quando egli si vide, nelle gole della Valsolda, travolgere tela e cavalletto dalle raffiche gelate della tormenta”.

Strada al bosco dei Gardanelli (Bergamasca), 1887

Strada al bosco dei Gardanelli (Bergamasca) o Paesaggio al bosco dei Gardanelli, 1887, olio su tela, cm100X140, firmato in basso a sinistra Carcano F., Collezione Privata.

Strada al bosco dei Gardanelli (Bergamasca) o Paesaggio al bosco dei Gardanelli, 1887, olio su tela, cm100x140, firmato in basso a sinistra Carcano F., Collezione Privata

Presentato per la prima volta a Venezia nel 1887 Strada al bosco dei Gardanelli, fu riproposto da Carcano negli a Bologna nel 1888 e a Milano nel 1889. Rappresenta una scena alpestre presa nei dintorni dell’Albenza e un altro esempio della paesaggismo carcaniano. Dietrich nel 1887 scriveva che “il tratto di strada del Carcano è così naturalmente selciato che si vorrebbe camminarvi sopra”. Il viottolo scosceso al centro della composizione attrae lo sguardo dello spettatore e lo guida fino alla pastorella dal fazzoletto rosso che sta pascolando gli armenti. L’acciottolato è descritto con una pennellata breve; il primo piano del dipinto è reso con una cura maggiore rispetto allo sfondo chiuso da un cielo roseo. Il quadro è composto semplicemente da tre piani unificati dalla presenza della fugura umana. Secondo il Chirtani nel 1889: “il Bosco dei Gardanelli, il capolavoro di Carcano, è un andante maestoso che raggiunge una solennità grave e geniale colla semplicità dei ritmi a larghe onde d’accordi”. L’opera, acquistata dalla Società per le Belle Arti per L. 2500, fu assegnata per sorteggio al pittore Francesco Filippini e poi passò nella collezione del Commendatore A. Civelli.

Il Mottarone, 1879-1880

 

Mottarone, 1879-80, olio su tela, cm102x108, firmato in basso a destra, Collezione Privata

Il dipinto è quasi identico a Strada al Monterone della Galleria Ricci Oddi di Piacenza, documentandio l’abitudine di Carcano a ripetere i soggetti. Il paesaggio ritratto è nei pressi di Coiromonte, con vista sul Monte Falò. L’unica variante rispetto al quadro di Piacenza è data dalla presenza di una pastorella con il foulard rosso al centro, mentre è affine lo stile adottato dal Carcano: piccoli tocchi di colore e stessa impostazione dei diversi piani compositivi.

Veduta agreste, Mergozzolo, Lago Maggiore, 1878

Veduta agreste, Mergozzolo, Lago Maggiore, 1878, olio su tela, cm85x120, Milano, Collezione Privata

Il quadro fu presentato da Carcano alla Esposizione di Belle Arti di Brera del 1878, assieme a Buon cuore infantile, In chiesa, La prima Comunione, e alla Veduta del Lago Maggiore. Il dipinto venne commentato dal Della Beffa sulla pagina del quotidiano “Il Sole”: la veduta agreste del Mergozzo non è un grande soggetto: un prato, un monte, poco cielo, un capannotto di paglia, qualche macchietta di bestiame, eppure è un quadro superbo, che io agognerei sovrattutti avere, perché sono certo che esso mi darebbe un perenne illusione: quella di respirare l’aria balsamica dei monti“. Il quadro, acquistato nel 1878 dalla Società per le Belle Arti, fu assegnata per sorteggio al Nobil Uomo Maurizio Trotti. Il monte rappresentato da Carcano con rapide pennellate e tocchi veloci è poi il Mottarone, che nell’Ottocento era conosciuto anche con il nome di Mergozzolo.

Federico Barbarossa ed Enrico il Leone a Chiavenna, 1862

Federico Barbarossa e il duca Enrico il Leone a Chiavenna, 1862, olio su tela, cm175x235, Milano, Pinacoteca di Brera, in deposito presso l’Avvocatura dello Stato, Palazzo di Giustizia, corso di Porta Vittoria, Milano.

Il giovane Carcano, allievo di Hayez dal 1857, vince nel 1859 un pensionato triennale per allievi promettenti. I biografi raccontano che in questi anni di formazione il giovane artista non pensa ad altro che a ottenere medaglie per convincere il padre della bontà della sua scelta professionale. Nel 1862 – anno in cui lascia Brera meritando una menzione onorevole per l’esperimento finale delle Scuole superiori di pittura riunite – espone la tela Federico Barbarossa e il duca Enrico il Leone a Chiavenna. Con quest’impegnativo quadro di grandi dimensioni, Carcano ottiene il primo premio della sua vita d’artista: quello dell’Istituzione Canonica. Il soggetto richiesto è l’illustrazione di “un fatto di generale importanza, tratto dalla storia italiana del XII e del XIII secolo”. Lo stesso tema era stato affrontonto nel 1848 da Philip Foltz (11 Maggio 1805 – 5 Agosto 1877), nel quadro conservato al Maximilianeum di Monaco di Baviera, in maniera diversa.

wwww

Philip Foltz (11 Maggio 1805 – 5 Agosto 1877), Kaiser Friedrich Barbarossa un Herzog Heinrich del Löwe in Chiavenna, 1848, Monaco di Baviera, Maximilianeum

Il tema scelto dal giovane Carcano rimanda alle vicende italiane della metà del XII secolo: il Duca di Baviera e di Sassonia Enrico XII il Leone, cugino e avversario di Federico I detto il Barbarossa,  rifiuta all’imperatore l’appoggio militare, determinandone così la sconfitta a Legnano (29 maggio 1176). La vittoria dei Comuni lombardi è una delle prime con un valore “nazionale”. Carcano sceglie di rappresentare il momento del rifiuto di Enrico il Leone al Barbarossa, antefatto della vittoria di Legnano. Narrano le fonti coeve che Enrico si allontanò dall’Italia lungo la via del lago, diretto ai valichi dello Spluga e del Maloja. Il cugino imperatore lo fa rincorrere dai suoi messi per chiedergli abboccamento: “Ut Henricus Clavenne sibi veneret”. Il fatto si svolge infatti a Chiavenna. Posta nell’ultimo lembo di Lombardia, ai piedi delle Alpi e quasi a loro chiusura, come vuole il suo nome, nella breve conca di confluenza delle valli del Liro e del Mera per cui salgono le antichissime strade che fin dall’epoca romana portano verso i valichi, Chiavenna è l’ultimo centro abitato per cui il Leone deve transitare prima di affrontare la valle impervia e solitaria che lo porta fuori d’Italia. Se deve trattare con l’imperatore non ha alternativa, deve farlo lì. In una sala del vecchio castello, ingentilita solo dalle decorazioni di un colonnato, ha luogo l’incontro. Mentre il Barbarossa si prostra chiedendo aiuto contro i Comuni lombardi uniti in lega, il giovane condottiero rifiuta alzando la mano destra, motivato dal recente saccheggio alle sue terre da parte degli amici dell’imperatore. Dietro Enrico due personaggi commentano silenziosamente la scena mentre l’imperatrice, “dignitosa e avvenente” secondo la critica del tempo, è in piedi di fianco a Federico. Le cronache contemporanee raccontano che essa accorre verso l’imperatore, rimproverandolo per una simile umiliazione, sconveniente alla dignità reale: “Sorgi, o Signore, ma non ti dimenticare mai di un fatto simile, che Iddio faccia di te vendetta un giorno”, sono le parole che fa dire il Voig all’imperatrice nella sua storia della Lega Lombarda. Completa la scena un paggio in attesa di ordini appoggiato al trono munumentale. Il quadro di Carcano si avvicina a temi risorgimentali per via di metafora: rappresentare il momento in cui il Barbarossa perde l’appoggio del cugino Enrico e di conseguenza è sconfitto a Legnano, significa voler sottolineare l’importanza della libertà appena conquistata con la cacciata degli Asburgo. E c’è un dettaglio molto esplicito a questo proposito: il tricolore che ricorre nella tela, dal tappeto al trono, nelle vesti del paggio appoggiato al bracciolo dello stesso trono e nella stessa figura del Barbarossa accostata al camminatoio verde. Carcano manifesta un’adesione ai dettami dello stile vigente, d’altronde “c’era nelle scuole accademiche di quel tempo una specie di regolamento morale che imponeva alla coscienza di ogni giovane artista il suo storico saggio romantico”. Quello che a Carcano interessa maggiormente è la descrizione dell’ambiente e delle figure, l’effetto generale e, soprattutto, la resa della luce. Infatti secondo il critico dell’epoca Gussalli questa prova accademica di Carcano segna già una nuova tendenza nell’impasto dei colori e nella finezza dei toni, e pure la commissione per il premio Canonica nota il pregio singolare di colorito, che spicca per ben trovata ed armonica intonazione specialmente nelle tre figure principali. Carcano si trova qui in una situazione analoga a quella di Faruffini: cerca di ricostruire delle scene in costume e insieme di rendere il vero, il reale. Non c’é da meravigliarsi, a posteriori, se Carcano, nello stesso anno in cui presenta il Federico Barbarossa (1862) data un quadro straordinario come Cortile a giardino con figure, effetto di sole, della Collezione Marzotto, ma lo espone prudentemente a Brera solo due anni dopo. Ad un tipo di pittura timidamente innovativa, ma sempre rispettosa della tradizione e quindi premiata con un riconoscimento ufficiale, si contrappone la contemporanea e personale ricerca dell’artista sul rapporto luce-colore. Rotta definitivamente ogni alleanza con l’Accademia … iniziava le sue ricerche di verità.