Studio di nudo, 1869-1861

Nudo, 1859 c., olio su carta incollata su tavola, cm 47.6x27.8, Collezione Privata

È stato rintracciato in una Collezione Privata, proveniente dallo studio del pittore, un Nudo, che potrebbe risalire agli studi eseguito nel ’59. In quell’anno Carcano ha voglia di accorrere oltre Ticino, per arruolarsi in mezzo a quei soldati piemontesi che aveva tanto copiosamente scombiccherati sui quaderni di scuola, ma viene dissuso dalla famiglia a causa del precedente del fratello, morto pazzo per una palla in fronte ricevuta nel ’48. Filippo rimane a studiare e a lavorare indefessamente. Presenta all’Esposizione di Belle Arti Cristo tentato da Satana (opera dispersa), Nudo: dipinto dall’azione aggruppata (opera dispersa) e Nudo: dipinto dall’azione semplice, che potrebbe essere l’olio su carta ritrovato nella collezione degli Eredi Carcano. L’uomo del dipinto, appoggiato ad una pertica, è nella tipica posizione utilizzata in Accademia per studiare le ombre e gli effetti plastici dei muscoli. Alcune incertezze nel disegno, in particolare nella pertica, dimostrano la precocità di questa carta che si caratterizza per il gradevole colorismo, assicurato dallo sfondo grigio-verde, e per la sottile morbidezza atmosferica.


Annunci

Alla banda dei giardini pubblici, 1891

 

Alla banda dei Giardini Pubblici, 1891, olio su tela, 100×143, firmato in basso a destra F. Carcano, Collezione Privata

Il dipinto, noto anche con il titolo Musica ai Giardini Pubblici, era stato esposto da Carcano alla prima Triennale di Brera del 1891. Faceva parte delle proprietà di Ernesto Reinach, il self made man che, amato come un figlio dal barone Eugenio Cantoni, a soli diciannove anni divenne “ispettore” del Cotonificio Cantoni. Reinach diventò dalla fine degli anni Ottanta dell’Ottocento un imprenditore di successo nel settore degli olii lubrificanti. Nella sua collezione c’erano opere di Luigi Conconi, di Paolo Troubetzkoy, Leonardo Bazzaro, Giovanni Segantini, Gaetano Previati e Luigi Rossi.  Il quadro del Carcano, così apprezzato da essere appeso nel studio personale di Reinach, era ritenuto disperso, ma è ricomparso sul mercato. Lo si conosceva  da una riproduzione fotografica presente nell’archivio del Comune di Milano, con il titolo Le marionette, opera che risulta esposta alla Permanente del 1912, mentre Alla Banda dei Giardini Pubblici è un’altra opera pubblicata nel 1913 da Almerico Ribera nel libro postumo Filippo Carcano Pittore. Si tratta di un’interessante sperimentazione di en plein air cittadino, con un taglio obliquo di matrice fotografica, resa con una pittura magra, a larghi tocchi, da cui compare talvolta la tela grezza. Ernesto Reinach fu arrestato dai nazisti all’età di ottantanove anni e morì di stenti durante il viaggio prima di arrivare a Bolzano. Si legga a proposito il bell’articolo di Philippe Daverio su Diario Nazionalità nemica: razza ebraica. In seguito alla persecuzione nazifascista la collezione è stata parzialmente dispersa.

La “cugina” nobile della piccola fioraia


La "cugina nobile" della piccola fioraia, olio su tela, senza data, misure e ubicazione sconosciute. Riproduzione fotografica proveniente dall’Archivio del Comune di Milano. Fondo Luca e Giovanni Beltrami.

Questo quadro è noto soltanto attraverso la foto presente nel Fondo Luca e Giovanni Beltrami dell’Archivio Fotografico del Comune di Milano. La nuova bambina, che ricorda nella posa l’altra, nel Cortile a giardino con figure, effetto di sole del 1862, è vestita con un grazioso abito a balze. Il volto è protetto da un capello di paglia. Il paesaggio è completamente mutato e ci troviamo ora in orto in aperta campagna. L’opera è di difficile lettura, ma è di una soprendente verità luministica, quasi fotografica, che la avvicina cronologicamenta alle ricerce predivisioniste della seconda metà degli anni Sessanta. Camillo Boito, con il nom de plum di Jacopo Cosmate, descrisse nel “Pungolo” del 25 Settembre 1868, un’opera in mostra all’Esposizione di Brera del 1868:  un quadrettino piccino piccino dipinto con garbo, eleganza e sole davvero, con un orto e in fondo una linea mi pare di castagni, e sul dianzi una ragazzetta che raccoglie fiori in un canestro, e de’ panni azzurri, candidi, paonazzi, distesi sopra una siepe. Non pare improbabile che Boito si riferisse proprio a questa piccola fioraia.